Spaghetti con triglie e pistacchi

spaghetti triglie e pistacchiLo so, ancora spaghetti. Ma che ci volete fare? Mi piacciono. In realtà in questa ricetta sono integrali. Li ho scoperti da poco ma sono balzati subito ai primi posti tra le mie paste preferite. Propongo qui un piatto con l’amato trio pasta-pesce-frutta secca. Spesso il pesce nella pasta viene abbinato ai pomodorini (vedi pesce spada) o alla passata di pomodoro (vedi moscardini) ma stavolta ho voluto provare un sugo in bianco per mantenere inalterato il gusto di pesce.

Ho usato le triglie di fango che sono un pesce “povero”.  Paragonate alle triglie di scoglio costano un po’ meno e quindi non si deve fare un mutuo se si vuole preparare questo piatto per degli amici a cena. Ho poi aggiunto dei pistacchi di Bronte che avevo in casa e ne è uscito un piatto veramente buono e semplice, semplice, semplice.

Ho messo le dosi per una persona perché le ricette sono sempre per 4 o 6 persone. E chi vive da solo? O semplicemente, se stasera son da sola e me la voglio preparare solo per me? Perché bisogna sempre dividere tutto? Stavolta le dosi son già giuste 🙂 . Per chi ha una famiglia numerosa… prendete la calcolatrice e moltiplicate 🙂

Ingredienti (per 1 persona)

  • 100 gr di filetti di triglie di fango
  • 80 gr di spaghetti integrali
  • 10 gr di pistacchi
  • porro (circa 3 cm)
  • olio
  • sale

Procedimento

In una padella antiaderente cuocere i filetti di triglia 2′ per lato (cominciare con il lato con la pelle). Tritare grossolanamente i pistacchi (al coltello).

Togliere i filetti e nella stessa padella aggiungere 2 cucchiai di olio e soffriggere il porro tagliato a rondelle. Dopo qualche minuto aggiungere 2/3 delle triglie e 2/3 dei pistacchi tritati. Far cuocere 3′. Salare.

Portare a bollore dell’acqua, salare e cuocere gli spaghetti al dente. Scolare gli spaghetti e versarli nella padella con il pesce e i pistacchi. Amalgamare i sapori e cuocere per 1′.

Inpiattare e aggiungere i rimanenti filetti di triglie e i pistacchi.

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *