Stinchi alla birra cotti nel forno a legna

Stinchi al fornoFacile ed economico. Facile perché fa tutto il forno, economico perché lo stinco costa veramente pochissimo. Il grande vantaggio di questo piatto è che io preparo la carne con odori, aglio e cipolla. Bagno con la birra e poi consegno il tutto al master del forno a legna e mi defilo 🙂  Dopo un’ora e mezza mi chiama per controllare che sia pronto e si mangia.

Gli uomini adorano gestire il forno a legna, mio marito in particolare. Il forno è abbastanza piccolo ma da quando l’abbiamo costruito (non noi ovviamente) abbiamo sperimentato un sacco di piatti compreso pizze e focacce ma la carne cotta lì dentro come anche verdure e patate sono il top, niente riesce meglio e da più soddisfazione.

Dopo aver mangiato molte volte lo stinco in Germania, sono tornata in Italia e l’ho cucinato un sacco di volte. Non ho ancora trovato nessuno che dica di no allo stinco. Accompagnato da patate al forno o verdure miste aromatizzate all’aceto balsamico (cotte nel forno ovviamente) è un piatto che viene spazzolato in pochi minuti.

Ora che finalmente la primavera è tornata, potremo tornare a usare il forno a legna più frequentemente quindi questa non sarà né la prima né l’ultima ricetta che posterò con questo straordinario forno, fidatevi!

Ingredienti (per 6 persone)

  • 4 stinchi di maiale
  • 8 spicchi d’aglio
  • 1 cipolla
  • 2 bicchieri di birra
  • 4 rametti di rosmarino
  • 3 ciuffi di salvia
  • 4 foglie di alloro
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale

Procedimento

In una padella a bordi alti, grande abbastanza per contenere i 4 stinchi, mettere 5 cucchiai di olio e gli spicchi d’aglio schiacciati ma non pelati. Aggiungere la cipolla affettata non troppo finemente.

Far soffriggere un paio di minuti e aggiungere i 4 stinchi. Salare. Far rosolare bene su tutti i lati e bagnare con la birra. Aggiungere le foglie d’alloro spezzate in due, i rametti di rosmarino e le foglie di salvia.

Mettere  il tutto in una teglia, coprire con della carta d’alluminio (lasciando qualche spiraglio ai lati in modo che fuoriesca il vapore) e infornare. Il forno a legna deve essere già caldo (acceso almeno un’ora prima) e la carne deve andare per un’ora e mezza. Sarà pronta quando con una forchetta la carne si sfalderà appena infilzata.

Per far formare una buonissima crosticina togliere la carta d’alluminio  15′ prima di terminare la cottura.

Per accompagnare consiglio le sempre amate patate al forno. Quando la carne è quasi pronta la spostate verso l’esterno del forno, mettete la teglia delle patate davanti e fate cuocere per 40′.

Bookmark the permalink.

4 Comments

  1. Cara Sig.ra Olga,

    mi torna proprio utile questa sua ricetta per provare anch’io a fare questi stinchi nel forno a legna.
    Però volevo capire più chiaramente come utilizzare il forno per la cottura, con fiamma andante o solo dopo, con braci ed a che temperatura indicativa?
    E farli anch’essi a lenta cottura magari come la spalla di maiale, lasciandoli in forno a 150° per poi via via calare chiuso con sole braci per 12-14 ore o anche più?
    La ringrazio se vorrà darmi il suo parere ed informazioni sul forno per la sua ricetta.
    Cordiali saluti.

    • Ciao Marco, purtroppo non abbiamo mai misurato la temperatura ma il fuoco e’ andante e gli stinchi non devono cuocere tanto, un’ora e mezza più’ il tempo per rosolarli prima. Prima di metterli in forno devi farlo scaldare molto, noi controllavamo che il soffitto del forno fosse bianco. Purtroppo ci siamo trasferiti e da un po’ di tempo non li facciamo più ma era un piatto che preparavo a pranzo e certo non mi alzavo all’alba.

      Spero di esserti stata utile
      Buone feste!
      Olga

  2. Cara Olga, grazie mille del tuo pronto riscontro,

    alla fine per il giorn o di Natale li ho fatti 3 stinchi a cottura lenta, son rimasti poi chiusi con stagnola tutta la notte e la mattina del 25 fino alle 12.
    Devo dire che son venuti una squisitezza, teneri e gustosissimi anche con la salsetta alla birra che ne è uscita.
    Grazie ancora per aver condiviso la ricetta!
    Buon nuovo anno!
    Marco

    • Ciao Marco, mi fa piacere la mia ricetta ti sia stata utile. La cosa più’ bella di avere un blog e’ sapere che puoi essere stata utile a qualcuno per fare un buon piatto. Buona Pasqua!

      Olga

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *