Il mio pollo alla ligure

Pollo alla ligureMi è arrivata una richiesta per cucinare il pollo a pezzi con la postilla “facile e che si possa preparare in anticipo”. Ecco qui un piatto che piace sempre, che riesce a fare chiunque e che il giorno dopo è anche più buono.

Quindi il mio consiglio (spassionato) è: cucinatelo per la sera in cui avete appuntamento con le amiche per la serata “solo donne”, vostro marito dovrà solo scaldarlo e lui e bimbi non moriranno di fame. 🙂

Perché alla ligure? Sinceramente non faccio molto caso se le ricette che faccio sono quelle originali o rivisitate. Questo piatto lo chiamo “alla ligure” perché con pinoli, olive taggiasche e basilico ricorda molto la Liguria.

Con le dosi che riporto si ottiene parecchio sugo e proprio per questo avevo pensato di tenerlo da parte per condirci la pasta il giorno dopo. Beh, ho dovuto fermare i miei ometti dal mangiarselo tutto facendo “la scarpetta”. Calcolate quindi il rischio e nel caso rivedete le dosi:-)

Ingredienti (per 2-3 persone)

  • 1 pollo a pezzi
  • 50 gr di cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3 cucchiai di olive taggiasche denocciolate
  • 400 gr di polpa di pomodoro
  • 20 gr di pinoli
  • 3-4 foglioline di basilico
  • olio, sale

Procedimento

In una padella antiaderente dai bordi alti fare soffriggere la cipolla tritata finemente in 4 cucchiai d’olio. Aggiungere lo spicchio d’aglio in camicia. Quando la cipolla sarà leggermente dorata (non bruna!) aggiungere i pezzi di pollo e farli rosolare bene da ambo i lati. Toglierli dalla padella e tenerli da parte.

Nel fondo rimasto in padella versare la polpa di pomodoro e le olive. Far cuocere per 10′ con coperchio.

Aggiungere il pollo precedentemente rosolato e sempre con il coperchio far cuocere per 35′ a fuoco medio-basso. Se si dovesse asciugare troppo aggiungere qualche mestolo di acqua (o brodo se l’avete).

A fine cottura il sugo sarà bello denso ma non asciutto. A fuoco spento aggiungere le foglioline di basilico.

Tostare i pinoli in una padella antiaderente per pochi minuti e aggiungerli ad ogni piatto prima di servire.

E’ un piatto che può essere tranquillamente preparato il giorno prima e scaldato nel tempo che apparecchiate.

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *