Vellutata speziata di ceci e zucca profumata al timo e rosmarino 

vellutata di zuccaNon amo la zucca ma mi piace il colore arancione, lo trovo un colore ” vivo e splendido” come lo definiva Goethe. In cucina ha su di me un effetto energizzante e se anche ce ne fosse bisogno, mi mette di buon umore 😉. Lo so, non è un buon motivo per cucinare la zucca ma non è che sempre ce ne deve essere uno.

Questo fine settimana avevo bisogno di distendere i nervi e a mio modo mi son fatta un po’di cromoterapia. Mi avevano regalato un pezzo di zucca e quale momento migliore per usarla? Una mia amica aveva fatto recentemente ceci, zucca e pere ma sapevo che i tre ingredienti insieme non sarebbero stati graditi qui in famiglia. Ho quindi tolto le pere e aggiunto le erbe del mio balcone. Poi, tocco finale, succo di limone, pepe e noce moscata.

Il risultato? Molto soddisfacente perché oltre al binomio super collaudato di ceci e zucca, l’acidulo del limone smorza il dolce della zucca che non mi ha mai entusiasmato. Il pepe e la noce moscata la rendono quel po’ speziata che ci ha conquistato.

Le vellutate mi piacciono ma mai avrei pensato che una di zucca potesse scalare la mia personale classifica così velocemente e invece… Viva l’arancione!

Ingredienti (per 4 persone)

  • 1 cipolla
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 500 gr di zucca
  • 1 patata
  • 500-600 ml di brodo vegetale
  • 200 gr di ceci cotti
  • 3 cucchiaini di succo di limone
  • 1 rametto di timo
  • 1 rametto di rosmarino
  • Noce moscata, sale e pepe
  • ( facoltativi) semi di papavero

Procedimento

Tritare finemente la cipolla e l’aglio e soffriggerli per qualche minuto. Sfogliare il rametto di timo a aggiungere le foglioline al soffritto.

Tagliare a cubetti la zucca e la patata. Scolare i ceci. Aggiunge zucca e ceci al soffritto, coprire con il brodo e cuocere a fiamma moderata per circa 20′ finché la zucca è cotta e si sfalda al tocco della forchetta.

Togliere dal fuoco e aggiungere il succo di limone, il sale, la noce moscata e il pepe. Con il minipimer a immersione frullare il tutto fino ad ottenere una vellutata liscia e densa.

Mettere il rametto di rosmarino in infusione nella vellutata per almeno 20′. Trascorso questo tempo, togliere il rosmarino e impiattare.

Per dare un po’ di stacco cromatico in rete ho trovato la bella idea di spargere un po’ di semi di papavero prima di servire.

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *