Gnocchi di patate al pesto di broccoli e pancetta croccante

IMG_7265Finalmente gnocchi! Ammetto che non li faccio spesso ma dovrei riconsiderarli come alternativa alla pasta o al riso. Ci sono tante semplici varianti che ci permettono di non impazzire se una sera vogliamo portarli in tavola: pomodoro, pesto o ragù. Queste sono le nostre tre preferite e dire anche le più usate  da tutte le famiglie che conosco.

In questa stagione però ho voluto provare una variante un po’ azzardata: il pesto di broccoli. Avevo i broccoli e avevo i pinoli, e allora mi son detta, perché non provarlo? Cotto i broccoli, frullati con i pinoli e emulsionato con l’olio. Per ultimo una spolverata di pecorino. L’ho provato, buono…ma mancava qualcosa…il pecorino smorzava il dolce dei broccoli ma per i nostri gusti il tutto non era abbastanza deciso al palato. Ho deciso allora di aggiungere la pancetta abbrustolita. Direi che ci starebbe bene anche lo speck ma in frigo avevo solo pancetta e quindi olè… ho aspettato che sfrigolasse in una padella e ho aggiunto gli gnocchi appena scolati, spadellato velocemente e poi ho versato il pesto…buono, buono, buono, da provare!
Diciamoci la verità, non sono certo il tipo che torna a casa alla 7 di sera e si mette a fare gli gnocchi in casa, no, quello no. Trovo che in giro si trovino ottimi gnocchi anche confezionati e nonostante fare gnocchi non sia lunghissimo, certo che con la busta parliamo di 5-10  minuti massimo da quando mettiamo l’acqua a bollire a quando li mettiamo in tavola …non c’è paragone se siete uscite tardi dall’ufficio o il treno ha fatto ritardo 🙂 Il pesto è velocissimo da fare quindi direi…aprite la busta che avete in frigo e provate la ricetta. Se poi una domenica avete ospiti a cena e volete fare qualcosa “homemade” senza impazzire troppo…beh…la ricetta degli gnocchi che vi propongo (non è mia, è dello chef e pasticcere Luca Montersino, l’ho solo leggermente modificata) è una bomba!

Ingredienti ( per quattro persone o due persone piatto unico)

Per gli gnocchi

  • 500 gr di patate  – bianche o rosse – lesse sbucciate (circa 600 crude)
  • 60 gr di fecola di patate
  • farina 00 di grano tenero (circa 30-40 gr ma dipende dalle patate e dalla grandezza del tuorlo)
  • 1 tuorlo
  • sale e noce moscata

Per il pesto di broccoli

  • 200 gr di broccoli crudi
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • 2 cucchiai di pecorino
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 80 gr di pancetta affumicata a cubetti
  • sale grosso
  • pepe

Procedimento

Lavare le patate con la buccia, metterle in una pentola e coprirle con acqua fredda. Portare a bollore e cuocere circa 20-25  minuti finché le patate non sono ben cotte (con la punta del coltello si forano senza sforzo). Scolarle e sbucciarle con attenzione.

Cominciare a preparare il pesto: dividere i broccoli in cimette, tuffarle in acqua bollente salata e cuocere una decina minuti finché i gambi saranno teneri. Scolarle con il mestolo forato e metterle nel bicchiere del frullatore a immersione (anche se non sono scollatissime va bene lo stesso). Tenere da parte l’acqua di cottura. Aggiungere il mezzo spicchio d’aglio, i pinoli, il sale grosso e qualche cucchiaio di acqua di cottura. Frullare e aggiungere l’olio filo. La consistenza deve essere molto cremosa quindi nel caso versare qualche cucchiaio di acqua di cottura. Mettere da parte.

Con lo schiacciapatate schiacciare la patate e raccogliere la purea in una grossa ciotola. Aggiungere la fecola, la farina e amalgamarle alle patate. Perché la fecola e non 100% di farina? L’ho imparato dal pasticcere Montersino: la fecola non contiene glutine quindi diminuiamo la collosità dell’impasto. Versare il tuorlo e terminare con sale e noce moscata. Gli gnocchi stanno poco in acqua quindi va salato anche l’impasto. Mescolare bene.

Con gli gnocchi io faccio sempre una prova di cottura prima di considerare l’impasto pronto: faccio uno gnocco e lo butto in acqua bollente. Se non si disfa allora l’impasto è ok. Al contrario aggiungo un po’ (senza esagerare) di farina e riprovo. Non amo gli gnocchi che sanno troppo di farina e fare questa prova mi permette di usarne la quantità giusta senza esagerare.

Rovesciare l’impasto sul piano di lavoro infarinato, fare tanti salsicciotti e ricavarne tanti piccoli gnocchetti. Potete usare la forchetta per creare le rugosità tipiche degli gnocchi ma anche lasciati così van bene. Infarinarli bene e metterli su un vassoio di quelli da pasticceria.

Mettere sul fuoco un’ampia padella antiaderente e rosolare la pancetta.

Portare a bollore l’acqua di cottura dei broccoli e tuffare gli gnocchi facendoli scivolare delicatamente dal vassoio. Quando vengono a galla scolarli con il mestolo forato e versarli nella padella con la pancetta. Farli saltare delicatamente e aggiungere il pesto.

Servire subito.

 

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *