Cavatappi con salsiccia piccante

cavatappi con salsicciaDa quando ho questo blog tutti credono che Davide mangi come un pascià tutti i giorni. Poveraccio, certe sere sono talmente stanca che riesco a mettere insieme un piatto appena decente, altre volte cerco di recuperare gli avanzi. A sentire i mass media pare che buttiamo una quantità di cibo consistente quindi cerco di fare la mia parte e recuperarne il più possibile.

Dopo l’ultima grigliata (vedi qui) era rimasta una salsiccia piccante cotta alla griglia, ancora arrotolata a spirale con alloro e tenuta insieme con uno stecchino da spiedino. Scaldarla era inpensabile quindi ho pensato di sminuzzarla e farne un sugo per una pasta.

Un piatto di pasta mette tutti d’accordo e il piccante ci piace da morire. Per rendere il piatto ancora più piccante ho aggiunto del peperoncino. Vedrete che non bagno con il vino. Visto che la salsiccia è già cotta ritengo che bagnare con il vino sia inutile. Meglio tenerlo da parte e berselo come accompagnamento 🙂

Ingredienti (per 4 persone)

  • 320 gr di cavatappi
  • 40 cm di salsiccia piccante cotta alla griglia
  • 1 cipolla bianca piccola
  • 5 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • 1 rametto di rosmarino
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale, pepe
  • 1 peperoncino piccante

Procedimento

Tritare finemente la cipolla e in una padella farla soffriggere con 4 cucchiai di olio. Tagliare a metà il peperoncino e togliere i semi. Mettere le due metà nel soffritto. Quando la cipolla si sarà inbiondita aggiungere la salsiccia cotta precedentemente sminuzzata. Mescolare bene i sapori e aggiungere il rametto di rosmarino.

Versare il concentrato di pomodoro e amalgamare bene i sapori. In mancanza di questo si puo’ aggiungere della passata di pomodoro, circa 200 ml direi. Salare e pepare.

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolare e versarla nella padella con il sugo. Mescolare bene, se serve aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura.

Se piace aggiungere un po’ di olio a crudo su ogni piatto prima di servire.

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *