Brasato con polenta (Ricetta della mia amica Silvia)

9 ore di fuso, 13 ore di viaggio ma un tuffo in uno dei migliori comfort food italiani volete non farlo? Qui a Seattle ha ricominciato a piovere (che strano!) e quindi serviva veramente qualcosa di “comfort” mentre tu lavori e dei tuoi amici postano foto di vacanze al mare durante il Thanksgiving 🙂 E chi ti viene in aiuto? La tua amica Silvia che ti manda per mail la ricetta del brasato con polenta. E attenzione…non la polenta per cui servono 40 minuti di tempo e due braccia da Hulk…no, no… una polenta che metti nel MO e in 20 minuti si va da sola!!! No dai, ma veramente?!?! Quale miglior confort? Brasato, polenta e quindi stappiamo un buon Dolcetto piemontese 🙂

Silvia, non poteva che essere la tua ricetta di brasato che postavo.  Sí perché dopo 40 minuti di chiacchiera su Skype  ti serve comunque qualcosa per ricordare le nostre serate culinarie. Quando tutto cominciava con un tè, e sí, un buon Earl Grey nella tua cucina mentre scriviamo il menu e i vari passaggi e quando useremo il forno e a che ora arrivano gli ospiti. Conti, risate, un altro tè e poi riusciamo comunque a essere in ritardo. Ma che importa? I nostri mariti lo sanno e quando arrivano si stappano un buon vino e cominciano a parlare di moto. Altri ospiti arrivano e siamo finalmente pronte. Cin cin, buon appetito, tutto buonissimo, siamo al dolce…noooooo, Silvia, ci siamo dimenticate il contorno in forno! ahahahahaha… che bei momenti. Vabbe’, chi vuole il pranzo per domani in ufficio? 🙂

Ecco il tuo post Silvia, anzi la prossima volta mi mandi anche quella del tuo bollito misto 🙂

Quando invito a cena qualcuno e non ho voglia di passare il pomeriggio in cucina la scelta cade spesso su un grande, intramontabile classico: il brasato. Zero sbattimento, risultato assicurato, sempre apprezzato da tutti (vegetariani a parte :)). Il brasato infatti viene buono solo se lo si lascia cuocere (brasare) a fuoco bassissimo per conto suo, senza rompergli le scatole, per almeno 2-3 ore, durante le quali potete dedicarvi a quello che più vi aggrada (dalla full immersion di netflix alla preparazione di un dolce complicatissimo per cui non avevate mai avuto tempo).
E se volete proprio fare un figurone senza far fatica, preparate anche una bella polenta…al microonde!
Giuro che viene buonissima, manca solo la crosticina di bruciato sulla pentola, che quindi non avrete da lavare!!!

P.S. “Sette lettere, appesantisce il guerriero: B R A S A T O. Giusto, ci sta” Cit.

Ingredienti

  • 1 Kg di manzo in pezzo intero (reale, cappello del prete, qualunque taglio che abbia della cartilagine)
  • 1 bottiglia di vino rosso corposo
  • 1 cipolla medio grossa
  • 3 carote
  • Olio
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2-3 bacche di ginepro
  • 3 hg di farina gialla (io preferisco quella taragna, con il grano saraceno)

Procedimento

Preparate un trito di cipolla e carota (se vi piace metteteci anche il sedano) e fatelo rosolare in due/tre cucchiai di olio in una pentola dai bordi alti, aggiungendo il rosmarino, le bacche di ginepro e salate. Le dimensioni della pentola sono fondamentali, il vostro pezzo di carne ci deve stare giusto giusto, altrimenti rischia di asciugare troppo in cottura.

Far rosolare la carne da tutti i lati finché diventa dorata, poi coprire con abbondante vino rosso, fino a quasi coprire la carne. Abbassare la fiamma, coprire e lasciare cuocere a fuoco dolcissimo per almeno 2 ore (meglio 3), girando la carne di tanto in tanto.

A fine cottura (la carne deve risultare morbida) togliere la carne e frullare il liquido di cottura e le verdure con un frullino ad immersione. La salsa ottenuta dovrà essere abbastanza densa, se vi sembra troppo liquida la potete far rapprendere sul fuoco, magari aggiungendo mezzo cucchiaio di farina. In questo caso ricordatevi di sbattere bene con una frusta per evitare che si formino grumi.

Tagliate la carne a fette e servitela coperta dalla salsa, o, se preferite, con la sala a parte nella salsiera.

Per la polenta:

Fate bollire 1,25 lt di acqua in una pentola sul fornello, salatela. Trasferite l’acqua calda in un contenitore capiente che può andare in microonde e aggiungete la farina a pioggia, mescolando con la frusta.

Facendo attenzione a non scottarvi spostate il contenitore nel forno a microonde, impostate alla potenza massima per 20 minuti. Ogni 5/7 minuti togliere il contenitore dal forno e rimescolare bene per ottenere un risultato omogeneo. Buon appetito!!

 

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *