Torta salata con pomodorini, provola, acciughe e capperi

Torta salata pomodorini acciughe e capperiEcco una torta salata con i sapori del sud.  Ho vissuto per 5 anni in provincia di Caserta e mi piace riproporre i profumi di quella terra.

Mio fratello le chiamava “frittate con la crosta”. In effetti, l’espressione non le rende merito ma dà una vaga idea di cosa sono le torte salate soprattutto quando le devi spiegare a qualcuno non italiano né francese.

Le faccio spesso perché sostituiscono tranquillamente un primo, possono essere preparate in anticipo e piacciono praticamente a tutti.  Quando poi organizzo un brunch, è sempre bello vederle sul buffet. Di ripieni ce ne sono tantissimi ma oggi ve ne propongo uno un po’ fuori dal comune ma buonissimo nella sua semplicità.

Ingredienti

  • un disco di pasta brisée (o sfoglia)
  • una cipolla
  • 1 scamorza
  • 6-7 acciughe
  • 1 cucchiaio di capperi
  • 3 uova
  • 200 ml di latte
  • 100 ml di panna
  • 12-15 pomodorini
  • sale
  • origano (facoltativo)

Procedimento

Rivestire una tortiera con la pasta brisée. Bucherellare e coprire con carta da forno appesantita da legumi secchi. Si cuoce in bianco per circa 15 minuti a 200°C . In realtà si puo’ anche saltare questo passaggio e cuocere la torta quando è già stato aggiunto il ripieno ma così la pasta rimane più croccante (che è il bello della brisée). Sfornare e far raffreddare 5′-10′ prima di togliere i legumi e la carta da forno.

Soffriggere la cipolla con 2 cucchiai d’olio finchè è dorata. Affettare la provola in fette sottili.

In una terrina sbattere le uova, il latte, la panna e il sale. Se piace aggiungere un pizzico di origano. Dividere i pomodorini a metà e spezzettare grossolanamente le acciughe.

Sopra pasta brisée adagiare le cipolle e le fettine di provola. Versare sopra il composto di uova. Terminare con le metà dei pomodorini disposti a raggiera. Aggiungere in ordine sparso i pezzetti di acciuga e i capperi.

Infornare a 180°C per 25′ finchè la superficie non è dorata.

Servire tiepida.

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *